Farmaci: normative e vendita online

Farmaci online

Sul web è possibile trovare una diversificazione di prodotti talmente ampia, da rendere gli ecommerce una delle realtà più utilizzate dagli utenti. Una grande fetta della popolazione Italiana infatti, preferisce effettuare gli acquisti direttamente al computer. Non solo abbigliamento, gadget, prodotti hi-tech e libri, ma il sistema dell’ecommerce apre anche le porte a una nuova realtà come quella della vendita dei farmaci on-line. Prevista già in molti paesi dell’Europa, in Italia dopo anni di dibattiti si sono finalmente poste in essere una serie di normative e regolamenti del settore che hanno dato la possibilità a farmacie ed esercizi commerciali autorizzati di poter sviluppare anche la vendita on-line di prodotti farmaceutici. Ma quali sono i regolamenti in essere? E inoltre quale tipologia di farmaco può essere venduto direttamente on-line.? Di seguito andremo ad analizzare questi aspetti fondamentali della realtà di questo nuovo settore del commercio on-lin, in modo da poter valutare in maniera corretta i siti per gli acquisti dei prodotti.

La legge Italiana sulla vendita di farmaci online

 

Dopo molteplici discussioni e pareri contrastanti sull’importanza e l’utilità della vendita dei farmaci on-line, nel 2006 è stata redatta la prima normativa. L’art 112 quater del decreto legislativo 24 aprile 2006, n219 ha posto in essere le basi per la vendita al pubblico, a cui si affianca l’articolo 5, comma 1 del decreto-legge 4 luglio 2006 n. 223, nel quale si determina la possibilità di effettuare la fornitura a distanza, quindi on-line di farmaci e medicinali senza obbligo di prescrizione. Nel gennaio e maggio 2016 i regolamenti riguardanti tale normative hanno inoltre disciplinato tutta una serie di procedure, dalla richiesta alla vendita on-line alla tipologia di prodotti. Di seguito andiamo ad analizzare i punti salienti delle normative indicate:

– richiesta: la vendita dei farmaci on-line può essere effettuata solo da farmacie e esercizi commerciali che avevano l’autorizzazione precedente anche alla vendita diretta. Quindi non si ammette la possibilità dei grossisti di farmaci di effettuare tale operazione. La richiesta deve essere inoltrata alle autorità regionali fornendo la documentazione richiesta, come partita IVA, denominazione sociale, data d’inizio attività, indirizzo e sito web che si vorrà utilizzare al fine della vendita;
– logo identificativo nazionale: nel momento in cui si autorizza la vendita on-line, sarà rilasciato dall’ente il logo nazionale previsto per l’ambito comunitario al fine di riconoscere gli esercizi commerciali on-line preposti alla vendita dei farmaci. Il simbolo è indicativo di qualità e di certificazione dei prodotti che sono presenti on-line;
– costruzione del sito: la norma prevede anche una serie di regolamenti che devono essere seguiti al fine di strutturare la pagine web in modo conforme. In questo caso il logo nazionale deve essere ben visibile e i medicinali devono essere divisi in base alla loro tipologia e alle caratteristiche. Per esempio è fondamentale che le pagine per i medicinali SOP, siano in una sezione differente rispetto a quelle per i prodotti para farmaceutici e omeopatici.

Quali tipologie di farmaci è possibile vendere

La normativa è molto attenta ad identificare quali possono essere le tipologie di farmaci che possono essere venduti on-line:
-Sop:L’acronimo identifica una tipologia di medicinale che può essere fornito senza l’obbligo della prescrizione medica. È presente presso il sito dell’Aifa, l’Agenzia Italiana del Farmaco, l’elenco dei farmaci che non necessitano di tale prescrizione;
-Otc: sono i farmaci da banco, definiti per il fatto di essere presenti direttamente sui banconi delle farmacie. Anche il loro elenco è presente sul sito dell’Aifa;
-omeopatici: possono essere venduti anche i prodotti omeopatici, ma è importante che non sia richiesto una ricetta medica;
-Para-farmaceutici: l’insieme dei prodotti che sono utilizzati alla cura e alla guarigione ma che non prevedono prescrizione o ricetta medica.

Farmaci da banco: Dove è possibile trovare gli OTC

Con il termine OTC, Over The Counter, quindi letteralmente tradotto, sopra al banco, (e dunque comunemente chiamati farmaci da banco) sono considerati l’insieme di farmaci che possono essere rilasciati dal farmacista al cliente senza l’obbligo di ricetta medica. La loro caratteristica è quella di essere dei prodotti che vengono caratterizzati in base ai principi attivi che sono alla base della loro composizione. In Italia sono stati introdotti con la legge del 2006 tra i farmaci di fascia C. La legislazione prevede anche una regolamentazione per ciò che concerne la tipologia di pubblicità che può essere effettuata al fine della vendita. Essa non deve essere ingannevole, contenere gli elementi base presenti nel prodotto, che deve essere presentato come medicinale e non devono esserci indicazioni che escludono l’importanza della consultazione del medico. Inoltre non deve rivolgersi ai bambini.

Come condurre un’indagine sul luogo di lavoro: procedura dettagliata

Spesso il personale individuato a svolgere indagini sul personale da assumere o assunto da un’azienda, è chiamato a svolgere indagini pre assunzione per certificare il nuovo lavoratore. Nulla di più difficile se non si è un investigatore privato, in quanto c’è bisogno di conoscere strumenti e procedure per rimanere nella più completa legalità durante le fasi investigative. La difficoltà sta anche nel fatto che tali dirigenti  non ricevono una formazione mirata su come condurre un’indagine sul posto di lavoro dall’inizio alla fine. La formazione può riguardare la pianificazione delle indagini, la conduzione di interviste, la raccolta di prove e altri aspetti del processo investigativo, ma la maggior parte delle volte non fornisce un piano generale per condurre un’intera indagine sul luogo di lavoro.

Questo articolo l’abbiam scritto con l’ausilio in alcuni punti dell’agenzia investigativa europolinvestigazioni.it e in modo dettagliato ti porterà dal rapporto iniziale della condotta scorretta fino alla conclusione e al rapporto finale di indagine, con esempi e linee guida per garantire che le tue indagini seguano le migliori pratiche.

Rapporto iniziale e decisione di avvio indagini

Quando un reclamo o un rapporto di illecito viene ricevuto, il modulo web o attraverso qualsiasi altro mezzo, la società è obbligata a prendere sul serio il rapporto e ad agire rapidamente verso il dipendente. A seconda del tipo di accusa, potrebbero esserci regolamenti che regolano il modo in cui viene gestito il reclamo e il calendario per la sua risoluzione. Quindi è importante avere una procedura per ricevere e stilare report.

La prima decisione da prendere è se la relazione garantisca un’indagine, e questo non può essere preso alla leggera. La mancata investigazione sulla cattiva condotta da indagare può avere conseguenze disastrose per l’azienda.

Se l’accusa lo giustifica, potrebbe essere necessario prendere provvedimenti immediati, come separare le parti dal reclamo, parlarle individualmente o indirizzarle per consulenza, mediazione o entrambe. Le accuse di molestie o molestie sessuali in particolare richiedono una gestione delicata e l’eventuale rimozione immediata di una o entrambe le parti trasferendole in sedi diverse o uffici diversi.

Supponendo che venga presa la decisione di indagare su una relazione, dovrebbero essere predisposti dei protocolli per iniziare, incluso un metodo per scegliere l’investigatore, assegnare il caso e tracciare e riferire sull’indagine.

Se decidi di non indagare, questa decisione deve essere documentata a fondo. Indicare le ragioni della decisione di rifiutare di indagare e assicurarsi che siano difendibili. Supponiamo che la tua decisione sarà messa in discussione e assicurati di avere validi motivi.

Scegli un’investigatore

Al momento di decidere chi indagherà, dovrai decidere se utilizzare un investigatore interno o esterno . Ci sono molti fattori da considerare in questa decisione. Potrebbe essere necessario un investigatore con specifiche competenze, esperienze o conoscenze legali che non sono disponibili internamente. Potresti avere preoccupazioni legate a pregiudizi percepiti o persino a distorsioni effettive che potrebbero rappresentare un rischio quando si utilizza un investigatore aziendale.

A seconda del tipo di indagine, potrebbe essere necessario considerare il genere dello sperimentatore (in un’indagine sulle molestie sessuali, ad esempio). Se l’indagine riguarda più località, città o paesi, potrebbe essere necessario prendere in considerazione l’utilizzo di risorse in un altro Paese, qualcuno che parla una particolare lingua o qualcuno che abbia conoscenza locale.

La linea di fondo è che dovrai scegliere un investigatore imparziale che abbia le competenze, le conoscenze, l’accesso e l’esperienza richiesti dal caso.

Pianificare l’indagine

Durante la fase di pianificazione, è necessario determinare l’ambito dell’indagine. Che cosa stai studiando esattamente? È una violazione del codice di condotta, una possibile violazione criminale? Ci sono problemi di privacy? Ci sono altri incidenti o problemi relativi alla denuncia o all’incidente che devono essere segnalati?

La creazione di un piano di indagine consente di evitare uno dei più grandi errori di indagine. Una corretta pianificazione ti aiuta a concentrarti sull’accusa o l’incidente oggetto di indagine e garantisce che le tue indagini rimangano in corso.

Come parte della pianificazione, dovrai anche decidere chi deve essere intervistato, dove, quando e in quale ordine. Potrebbe essere necessario condurre delle ricerche e porre alcune domande iniziali al fine di raccogliere un elenco delle parti coinvolte e determinare le materie dell’intervista.

Si potrebbe anche voler condurre alcune ricerche su Internet in questa fase. Fai un po ‘di ricerca negli sfondi dei tuoi soggetti intervistati per scoprire qualcosa su di loro in modo da poter costruire facilmente i rapporti. Ad esempio, se trovi che il tuo soggetto tweetta molto sulla squadra di calcio preferita, sai che è interessato al calcio e a quella squadra. È possibile utilizzare queste informazioni per facilitare l’intervista con alcune chiacchiere informali sul calcio. Fai attenzione a capire come fare queste ricerche preliminari perchè può contribuire a pregiudicare le persone, risultando in un’intervista poco parziale.

Condurre l’intervista investigativa

La fase di intervista delle indagini ha un unico scopo: scoprire la verità. Con questo in mente, potresti voler utilizzare una varietà di tecniche e strategie di intervista per raggiungere quel fine. Il modello PEACE, la tecnica REID, PACE, interviste cognitive, interrogatori e il colloquio di ricerca della confessione sono tutti metodi per arrivare alla verità nelle interviste investigative e tutti hanno i loro punti di forza e di debolezza. Molti ricercatori trovano un equilibrio tra i diversi metodi che funzionano meglio per loro.

Il primo passo per condurre interviste è contattare i soggetti intervistati e impostare tempi e luoghi. Per mettere a proprio agio le tue interviste e aumentare le tue possibilità di farle comunicare apertamente è una buona idea:

  • Scegli un luogo di colloquio che sia neutrale e privato
  • Sii flessibile con la programmazione per soddisfare il soggetto dell’intervista
  • Fai riferimento all’intervista come “una chiacchierata su quello che è successo” piuttosto che un colloquio investigativo
  • Rimuovi le distrazioni, come foto o decorazioni, dal luogo dell’intervista
  • Spiega in anticipo esattamente di cosa tratta l’intervista e perché
  • Rapporto costruito con l’oggetto dell’intervista prima di lanciarlo in domande
  • Offrire acqua e / o caffè per mantenere il soggetto idratato e vigile
  • Quando decidi l’ordine delle domande, considera il flusso di informazioni o l’ordine della storia, che devi raccogliere.

In primo luogo, intervista la persona che ha fatto il rapporto. Se ci sono altri nominati nella relazione, intervista anche loro.

Quindi, intervista tutti i testimoni dell’accaduto o delle accuse. Questo a volte può portare a identificare più testimoni e, in questa fase, dovresti intervistarli. Infine, intervista l’accusato sull’argomento del rapporto o sull’accusa.

Registrare o meno l’intervista

Potresti voler registrare le tue interviste, usando un registratore audio o video, ma è una questione di preferenza. Alcuni ricercatori trovano che i dispositivi di registrazione causano stress e possono impedire il flusso di informazioni dal soggetto. Altri ritengono che la registrazione dell’intervista consenta loro di concentrarsi sulla persona e su ciò che sta dicendo, piuttosto che scrivere note, consentendo una conversazione più naturale.

Un vantaggio delle interviste registrate è che una registrazione non lascia dubbi sull’etica dell’intervistatore e sulla qualità delle domande. Rimuove anche la tentazione di interpretare ciò che sta dicendo il soggetto, fornendo le parole esatte del soggetto per le citazioni dirette nel rapporto di indagine.

Raccolta di prove documentali

La raccolta delle prove può essere la parte che richiede più tempo delle indagini e comporta la raccolta di prove sia fisiche che digitali. Tutto quello che scopri è un potenziale indizio di colpevolezza o innocenza ed è importante considerare ogni elemento di prova che scopri, indipendentemente dal fatto che sia adatto alle tue altre prove e impressioni relative al caso.

Tutte le prove fisiche devono essere archiviate in modo sicuro e registrate. Le prove digitali devono essere autenticate, catturate, conservate e archiviate da qualche parte. Se stai utilizzando un sistema di gestione dei casi per le tue indagini, puoi caricare le prove digitali direttamente nel file del caso, dove sarà sicuro, organizzato e accessibile.

È importante seguire le migliori pratiche per la catena di custodia quando si proteggono le prove. La catena di custodia è un modo per documentare le prove che mostrano il sequestro, la custodia, il controllo, il trasferimento, la conservazione e l’analisi di una prova. È un meccanismo per registrare tutto ciò che è stato fatto per una prova per garantirne l’integrità e dimostrare che non è stato manomesso.

Considera ogni elemento di prova e in che modo contribuisce alla narrazione di ciò che è accaduto. Ricorda che il tuo compito è semplicemente quello di scoprire la verità e soppesare ogni prova contro questo requisito. Esistono molti tipi di prove e ognuno può contribuire a un’indagine di successo.

Raggiungere una conclusione

Il tuo lavoro è giungere a una conclusione, basata sulle tue interviste e sulle prove raccolte. La tua conclusione è semplicemente se l’accusa o il rapporto è stato trovato corretto.

Un’indagine ritenuta non conclusiva è un’indagine fallita. Se non riesci a giungere a una conclusione, prendi in considerazione la possibilità di condurre più interviste, raccogliere ulteriori prove e riportare indietro le interviste e le prove già raccolte.

In base alla conclusione raggiunta nelle indagini, l’azienda deve decidere se intraprendere o meno un’azione.

L’azione potrebbe includere:

  • Azione disciplinare nei confronti di un dipendente
  • Sospensione di un dipendente
  • Consulenza o valutazione professionale di un dipendente
  • Mediazione tra o tra dipendenti
  • Licenziamento di un dipendente
  • Coinvolgere le forze dell’ordine in un’azione criminale
    Se la società decide di non intraprendere alcuna azione, questo dovrebbe essere documentato, insieme alle motivazioni di non voler procedere.

Scrivere il rapporto di indagine

L’indagine migliore, più completa, equa e tempestiva è senza valore in mancanza della documentazione utile adimostrare che l’indagine è stata esaustiva, equa e tempestiva. In ogni fase dell’inchiesta occorre documentare le fasi, ma il prodotto finale, il rapporto di indagine, è il riassunto di tutti i passaggi, le interviste, le prove e le conclusioni tratte. È il prodotto finale e può essere letto da molte persone differenti, quindi deve essere chiaro, accurato, succinto e credibile.

Analizzare i dati d’indagine

Al fine di ridurre il numero di incidenti e indagini, le aziende devono valutare e analizzare continuamente il proprio rischio. Possono farlo aggregando e studiando i loro dati di indagine per determinare:

  1. aree in cui i problemi si verificano più frequentemente
  2. i tipi di problemi che si verificano nell’organizzazione
  3. quali misure possono essere messe in atto per ridurle

Carrelli per lavoro tipologie ed utilità

A cosa servono i carrelli?

In commercio è molto facile trovare vari tipi di attrezzi, molto utili per le aziende che hanno l’esigenza di una movimentazione interna delle merci; stiamo parlando dei carrelli per lavoro. I carrelli per lavoro sono stati ideati e pensati, per facilitare il movimento di merci di qualsiasi genere, sia all’interno che all’esterno delle aziende.
In commercio esistono varie tipologie di carrelli per lavoro, pronti a rispondere a qualsiasi esigenza aziendale. Alcune aziende avranno l’esigenza di trasportare merci di piccole dimensioni, altre si ritroveranno a dovere trasportare carichi ingombranti, altre aziende ancora avranno carichi molto pesanti da muovere da un reparto all’altro. Quali che siano le esigenze di movimento dei carichi di una azienda il carrello rappresenta un attrezzo indispensabile allo svolgimento del lavoro. Il carrello, scelto in base alle esigenze aziendali,renderà il lavoro rapido e sicuro. Il carrello per lavoro renderà la vita facile a coloro che lavorano negli uffici per il trasporto di documenti e minuteria, l’utilizzo del carrello nei magazzini e nei depositi semplificherà lo spostamento delle merci di vario tipo, nelle officine inoltre permetterà di tenere in ordine e trasportare con facilità gli attrezzi da lavoro.

Quanti tipi di carrelli esistono?

In commercio esistono innumerevoli tipi di carrelli per trasporto merci manuali, pronti a rispondere a qualsiasi esigenza aziendale.

• Carrelli con vassoio: i carrelli per vassoio risultano molto utili nel trasporto delle minuterie. La loro utilità è apprezzata anche per il fatto che possono essere portati vicino alla postazione di lavoro, durante la fase di lavoro poi, i pezzi potranno essere appoggiati sul carrello, lasciando in questo modo libero il piano di lavoro. I carrelli con vassoio dotati di griglia e rubinetto di scolo possono essere utilizzati anche per il lavaggio pezzi.

•Carrelli da magazzino: i carrelli da magazzino vengono utilizzati per il trasporto interno di merci di vario tipo e dimensioni. A seconda dell’esigenza aziendale sono disponibili carrelli da magazzino a una, due, tre e quattro sponde, fisse oppure rimovibili. Questi carrelli risultano idonei ad un trasporto veloce e sicuro di merci pesanti, ingombranti, piccoli colli oppure sacchi pacchi ecc.

•Carrelli da ufficio: per quanto riguarda i carrelli da ufficio esiste una varietà di scelta pronta a rispondere alle diverse esigenze. Sono disponibili per questa categoria carrelli a due e a tre ripiani liberi oppure carrelli a due piani con pareti separatorie. I carrelli sono dotati inoltre di due ruote fisse due girevoli con freno.

•Carrelli di montaggio: i carrelli di montaggio, vengono utilizzati nelle officine. Sono dotati di un ripiano adatto al montaggio nella parte superiore. La parte inferiore può essere diversa a seconda delle esigenze aziendali.Si possono trovare carrelli con armadietti oppure con cassetti questi complementi risultano molto utili per riporre i pezzi di montaggio.

Carrelli di servizio: i carrelli di servizio, disponibili a due o tre ripiani sono adatti al trasporto di materiali di piccole dimensioni oppure al trasporto di biancheria negli alberghi e negli ospedali.

•Carrelli di servizio in acciaio inox: i carrelli di servizio in acciaio inox, utili per il trasporto di materiali di piccole dimensioni e per la biancheria, hanno la peculiarità di essere qualitativamente ottimi.

•Carrellini da trasporto: i carrellini da trasporto hanno quattro ruote con freno. Dotati di un solo piano e di basse dimensioni adatti al trasporto carichi pesanti.

•Carrelli 2 ruote: i carrelli a 2 ruote sono adatti al trasporto merci da un deposito all’altro oppure per il trasporto verso gli scaffali del reparto vendita delle imprese commerciali.

•Carrelli a carico lungo: i carrelli a carico lungo sono utili sia per il trasporto merci ingombranti nei magazzini che nella fase di stoccaggio delle industrie.

•Carrelli a scaffale: i carrelli a scaffale sono dotati di scaffalatura, consentono perciò il trasporto in modo ordinato delle merci.

•Carrelli cabinati: i carrelli cabinati, adatti ad evitare la caduta accidentale dei prodotti, risultano utili al trasporto di merci in scatola di diverse dimensioni.

•Carrelli cash & carry: i carrelli cash & carry sono impilabili fra di loro.

•Carrelli con impugnatura centrale: i carrelli con impugnatura centrale, agevolano il trasporto delle merci.

•Roll container: i roll container, disponibili a due e tre sponde, rendono agevole il trasporto di grossi quantitativi di merci da un reparto all’altro.

•Carrelli e supporti porta pannelli: per il trasporto dei pannelli è possibile scegliere tra varie tipologie di carrelli e supporti porta carrelli.

•Carrelli grande portata: per questa tipologia di carrelli è possibile scegliere tra carrelli a uno o più ripiani.

•Carrelli industriali manuali: i carrelli industriali manuali, di cui sono disponibili varie tipologie, sono adatti al trasporto di carichi pesanti.

•Carrelli porta-pallet: esistono varie tipologie adatte ad ogni esigenza di carrelli porta-pallet.

•Carrelli portamateriale: per quanto rigaurda i carrelli portamateriali esiste una vasta scelta adatta ad ogni richiesta.

•Carrelli preparazione ordini: i carrelli preparazione ordini sono dotati di piccoli gradini utili a semplificare il lavoro.

dieta con pochi carboidrati guida dettagliata

Una dieta che consiste di carboidrati minimi può essere definito un chetogenica dieta. Questo è dove il vostro corpo si basa su meno di 50 grammi di carboidrati e macchinari enzimatica del vostro corpo utilizza i grassi come la principale fonte di combustibile.

I Atkins e Paleo diete sono esempi di diete a basso contenuto di carboidrati e di utilizzare i grassi come fonte di combustibile. Questa è senza dubbio la dieta più affettivo per la riduzione complessiva percentuale di grasso corporeo.

Vi siete mai chiesti perché l’obesità e il diabete è così prevalente nella tipica dieta americana?

La dieta americana ha verso l’alto di 300 grammi di carboidrati e se continuate a leggere, capirete perché questo è un danno per la salute estrema quelli. Per ridurre drasticamente i carboidrati consumati, il corpo entra in uno stato naturale di ‘chetosi’ dove ‘grassi’ diventare la fonte di combustibile.

Il nostro consumo eccessivo di carboidrati ha reso il nostro corpo si basano su di essa per il carburante ma i nostri antichi antenati milioni di anni fa sono stati in grado di sopravvivere senza la disponibilità di riso, pane e pasta e come tali erano liberi delle malattie croniche che abbiamo oggi a seguito di mangiare alimenti a base di carboidrati.

Ma non vivevano a 30?

Sì, ma la principale causa di morte è stata a causa di incidenti. Gli studi storici dimostrano che la rimozione di infortuni a causa della morte sarebbe salito alle stelle la loro aspettativa di vita. Ciò era dovuto alla loro dieta e stile di vita. Un libro chiamato Blueprint Primal Mark Sisson dettagli come le nostre diete e stili di vita dovrebbero rispecchiano lo stile di vita di quella dei nostri antenati – il punto elenco principale del libro è stato quello di evitare i carboidrati (oltre a verdure nutrienti e frutta).

Secondo la maggior parte dell’industria perdita di peso, perdita di peso dovrebbe ruotare intorno controllo calorie. Questo si basa sull’idea che tutte le calorie (nonostante quello macro-nutrienti è) sono uguali e solo dipendono là quantità. Il controllo delle calorie consumate quantità e non quello che ‘tipo’ di calorie consumate è una buona ragione per cui così tante persone a dieta o non rimettere sul loro peso.

Capire che mangiare carboidrati aumenta i livelli di zucchero nel sangue che liberano un sacco di insulina nel sangue. L’insulina è il principale inibitore della lipolisi (la rottura verso il basso di grasso immagazzinato per l’energia). Se il glucagone deve essere rilasciato (l’ormone principale responsabile per abbattere grasso immagazzinato per l’energia), i livelli di glucosio nel sangue deve essere abbassata. Insulina e glucagone sono giorno e notte, non sarà co-esistere. L’insulino-resistenza e obesità sono il risultato di una cosa chiamata ‘ iper-insulinism ’: livelli molto elevati di insulina. Essere grassi non ha nulla a che fare con consumo di troppe calorie, ma l’abbondanza più di insulina nel corpo.

Il modo migliore per controllare i livelli di insulina è quello di seguire una chetogenica dieta (a basso contenuto di carboidrati dieta). Cose che si possono mangiare sono:

– Olio extravergine di oliva
– Frutta a guscio e semi
– formaggi

-Natural arachidi e preferibilmente biologici e burro di mandorle

– Pesce
– Uova
– Pollame
– Carne di maiale
– verdura fibrosi
– Carni rosse
– Avocado
– latte intero crudo

Ecco i vantaggi di seguire un basso contenuto di carboidrati / chetogenica dieta.

– Single grasso corporeo cifre
– Riduzione dei livelli sierici di trigliceridi
– aumento del colesterolo buono, diminuzione colesterolo cattivo
– aumento dei livelli di testosterone
– aumento della sensibilità insulinica
– livelli di energia costante per tutta la giornata
– Perdita di peso

Modi per tagliare le calorie per perdere peso

“Piccoli cambiamenti significa grandi risultati nel lungo periodo” – Anthony Robbins

 

Siete alla ricerca di piccoli consigli che hanno applicato su una base quotidiana può equiparare a risultati nel lungo periodo? O forse siete alla ricerca di un bordo per dare il tuo preesistente piano di dieta? Siete capitati nel posto giusto. Questa è una lista di piccoli metodi sleali è possibile tagliare le calorie per la dieta di tutti i giorni che su una base a lungo termine, causare perdita di peso. Per quanto questo può essere una tattica efficace, io sinceramente consigliamo un approccio diretto alla perdita di peso oltre a questo.Significato approccio diretto: far cadere £ 50 attraverso la dieta rigorosa, autocontrollo ed esercizio fisico. Tuttavia, se una dieta rigorosa non è il tuo alleato, questo vi aiuterà in ogni caso, buon divertimento!

Oh, ma prima di iniziare con l’elenco, ecco un po ‘di motivazione per voi. Taglio 100 calorie al giorno = 10 chili in un anno. 250 calorie = 26 sterline! Questi sono molto facile da implementare e non richiede alcuno sforzo.

Prima colazione

-Mangiare integrale al posto di carboidrati raffinati (pane nero al contrario di pane bianco) come questo dà un rilascio prolungato di energia. Prodotti raffinati spike l’insulina, si spara con energia e si parte per un crollo della glicemia, a seconda di quanto avete mangiato. Minimi zucchero causare morsi della fame e ti fanno disperatamente artiglio per una correzione dello zucchero semplice. Wholegrain attenua questo influisce in modo da essere meno probabilità di correre in una fonte di cibo e la gola da soli. Farina d’avena, frutta e verdura sono anche grandi opzioni per il rilascio prolungato di energia.

-Mangia pancetta invece di salsiccia con le uova.

-Mangiare una ciambella di lievito al posto del tipo più denso.

-Versare più latte e meno cereali nella vostra ciotola.

Pranzo

-Aggiunta di formaggio magro cottage per una insalata semplice può rendere molto di più di riempimento e ti fanno meno probabile che vogliono aggiungere qualcosa di più sostanzioso ad esso o mangiare qualcosa più tardi.

-Se si ordina un hamburger, per chiedere senza il formaggio.

-Se si ordina una bevanda al cinema o drive-through (se proprio deve) ottenere il piccolo.

-Selezionare pane integrale per il vostro panino.

-Scegli triturati parmigiano al posto del formaggio a fette. Il gusto del formaggio è ancora lì, ma appena consumare meno.

Cena

-Trade burro per trans-grassi margarina senza

-Scegli crosta sottile fetta se si ottiene una pizza

-Aggiungere più acqua per la minestra

Spuntino

-Quando si effettua una torta o muffin, sostituire la metà (o tutti) il burro con banana schiacciata o succo di mela per ridurre le calorie.

-Mangia una fragola ricoperto di cioccolato al posto di una tavoletta di cioccolato.

Trucchi

-Mangiare frutta prima di ogni pasto. In uno studio della Pennsylvania State University, la gente che mangiava mele 15 minuti prima di pranzo abbiamo mangiato circa 187 calorie in meno.

-Condividere un pasto grande con un amico invece di ordinare e mangiare due pasti separati.

Capelli grigi

Per invertire efficacemente i capelli grigi significa interferire con i nostri geni e la reimpostazione il nostro orologio interno.

Per raggiungere uno totale ribaltamento, è essenziale ripristinare le cellule morte pigmento nei follicoli piliferi. Questa missione non è meno impegnativo rispetto al ripristino dei follicoli piliferi che muoiono di un uomo calvo. Dall’altro lato, vi sono molte altre cause di capelli grigi come squilibrio della tiroide, vitiligine, stress eccessivo, dieta scorretta, mancanza di vitamina B e fumo. È un dato di fatto, tutti loro messi insieme rappresentano meno grigio di quanto l’unica causa principale – eredità.

 

Con la presente trattamento disponibile capelli grigi, sembra che fermare i capelli di andare grigio non possono essere correttamente invertito. In questo momento, non vi è alcuna prova scientifica che qualsiasi droga, dieta, erbe o integratori naturali può prevenire, invertire o arrestare i capelli grigi. Un sacco di prodotti cosmetici famosi e le aziende farmaceutiche stanno lavorando duramente per trovare la cura definitiva per le questioni connesse grigi tutto inutile. L’unica alternativa esistente che fornisce risultato soddisfacente nel modificare il colore grigio dei capelli, è attraverso l’uso regolare di tinture per capelli grigi o coloranti per capelli progressivi per cambiare il tuo look capelli. A differenza di tinture per capelli normali si sa, coloranti per capelli progressive modificare solo le zone colpite dei vostri capelli, gradualmente e impercettibilmente. Tuttavia, i follicoli dei capelli continueranno a generare questi peli superflui bianchi. Gli uomini spesso preferiscono questo metodo in quanto rende i capelli appaiono più naturali e questo anche dare loro la possibilità di non coprire tutto grigio. Una cosa che dovete sapere su incanutimento dei capelli è che è più spessa e spesso cresce molto più velocemente i capelli normali, che lo rende più evidente e difficile da mascherare.

D’altra parte, ci sono alcuni tradizionali prodotti anti-grigio capelli e un paio di sostanze attive nei prodotti commerciali che sostengono di essere efficace nel bloccare e invertire capelli grigi. Per ulteriori informazioni su questa visita le barre laterali di questo sito.

Sostanze attivo utilizzato in Anti-Gray Hair Products & Terapie

FO-TI è un’erba cinese sa come Egli Shou Wu, commercializzato con il nome di Fo-Ti che significa radice. La traduzione in inglese perché Egli Shou Wu è nota come “capelli neri Egli signor”. Signor Lui è una leggenda del 9 ° secolo dC di un piccolo villaggio in Cina, che ha usato Fo-Ti per riconquistare la sua neri, capelli giovanile e la vitalità. Fo-Ti è un tonico longevità che l’uso cinese per i capelli brizzolati, invecchiamento precoce, debolezza, perdite vaginali e la disfunzione erettile. Si ritiene inoltre di avere il potere di massimizzare la lunghezza di crescita dei capelli. Fo-Ti è l’ingrediente attivo principale in un sacco di prodotti per i capelli grigi costosissime come Shen Min, Shou Wu pillola, Shou Wu Pian, Reminex e molti altri. Troverete anche il Fo-ti in alcuni prodotti di perdita dei capelli pure. Non esiste un test clinici a sostegno della domanda della sua efficacia a sbarazzarsi di recensioni di prodotti grigi e dei consumatori varia. Fo-Ti non dovrebbe essere considerato di possedere il segreto per invertire capelli grigi prematuri o problemi legati all’età. Tuttavia, potrebbe essere utilizzato con successo in alcuni alcuni comuni non geneticamente questioni come è stato osservato in alcuni individui a pelo, ma non scurire selettivamente i loro capelli bianchi.

PABA noto anche come para-aminobenzoico è spesso indicato come vitamina B10 o BX e si crede di essere un anti-invecchiamento e anti-vitamine capelli grigi. Alcuni studio sostiene che PABA combinazione con l’acido folico aiuta a ripristinare il colore dei capelli alla sua forma originale.

L’acido folico è un altro membro di vitamine B (B9) gruppo e si ritiene sia vitale nel mantenere e ripristinare il colore originale dei capelli di una persona grigia.

PABA e acido folico sono componenti regolari di generico, trattamento capelli grigi. Una persona mediamente sana è improbabile registrare un cambiamento della loro colorazione dei capelli come conseguenza del consumo supplementare di queste vitamine. Il loro utilizzo può essere vantaggioso in condizioni occasionali innescati dalla mancanza di queste due vitamine.

Aceto di mele – si dice che sia un vecchio metodo tradizionale di invertire o arrestare i capelli grigi. Si ritiene di lavorare in un modo simile alle base metallica di coloranti per capelli e gradualmente cambiando il colore dei capelli. Il suo meccanismo d’azione e l’efficacia potenziale è chiaramente identificato. Né pretesa scientifica né testimonianze degli utenti esistono per confermare la storia dietro l’uso di questo aceto di sidro di mele.

SAGE TEA è una terapia naturale tradizionale per recuperare i colori dei capelli originali. Forte tè salvia deve essere applicato ai capelli e lasciare essiccata e poi risciacquato. Questo rimedio deve essere ripetuto con cadenza settimanale fino ad ottenere il risultato desiderato. Si presume che il tè potente salvia potrebbe macchiare e aiutare la colorazione dei capelli, ma non esistono testimonianze di consumatori per confermare che è davvero efficace.

Melassa è preparato dal terzo ebollizione dello sciroppo di zucchero ed è di conseguenza il concentrato sottoprodotto rimane dopo saccarosio lo zucchero è stato cristallizzato. Melassa è ancora principalmente da zucchero calorie, dall’altro, a differenza zucchero raffinato, contiene quantità significative di vitamine e di minerali, come B6, manganese, rame, ferro, calcio, potassio, magnesio e pochi altri. Melassa è stato accreditato con un certo numero di proprietà salutari che danno. E ‘anche concepita per invertire incanutimento precoce dei capelli. Nessuna prova scientifica di questa affermazione esiste.

Rimedi aggiuntivi

Si ritiene che strofinando il CHIODI una contro l’altra aiuta la circolazione del sangue, come terminazioni nervose si trovano sotto le unghie delle dita, diminuendo in tal modo la probabilità di ottenere grigi sui vostri capelli. Si tratta di un metodo antico da India e ha bisogno di un po ‘di impegno non è così facile come sembra a strofinare le unghie una contro l’altra per cinque minuti di fila con una certa frequenza. Tu questo può sembrare strano, ma non c’è nulla di male nel provare.

Copertura Capelli grigi

Sintesi delle modalità disponibili per coprire i capelli grigi e l’analisi dei loro principi attivi e meccanismo di azione. La valutazione dei vantaggi di coloranti per capelli progressiste che copre i capelli bianchi rispetto ai tradizionali tinture per capelli grigi.

Marketing sul web cos’è e come si fa

WEB MARKETING: COS’È

Il web marketing altro non è che il marketing che viene applicato al web, l’insieme di attività di promozione che viene svolta usufruendo del web.  Con il web marketing vengono utilizzati canali come i motori di ricerca, i social media, le e-mail, i siti web che vengono sfruttati al fine di mettere in contatto aziende e clienti sia acquisiti che potenziali. Chi si occupa di web marketing si occupa di mettere a punto le migliori strategie che sono indispensabili per raggiungere l’obiettivo che si vuol raggiungere. Il punto di partenza di una strategia di successo è la creazione di un piano marketing.

WEB MARKETING: GLI STRUMENTI

Il web marketer è colui ch si occupa di mettere a punto la strategia di web marketing.Gli strumenti utili per portare avanti una strategia di web marketing ottenendo dei risultati sono diversi, a partire da quelli utili per l’indicizzazione dei siti web (SEO), esistono  anche dei tools che possono aiutare in questo. Strumenti per il Search Advetising che servono a creare campagne a pagamento sui motori di ricerca per essere tra i primi risultati e strumenti per gestire il social media che servono non solo a pubblicare ma anche a misurare la crescita di popolarità e risultati.

WEB MARKETING: A CHI RIVOLGERSI

Con l’arrivo di internet e l’avvio del marketing online si sono andate via via creando nuove professioni. Troviamo Il web marketing manager che è colui che è responsabile delle strategie e delle attività operative d web marketing dell’azienda. Il web marketing assistant, è uno stretto collaboratore del web marketing manager  e lo aiuta a realizzare le attività di marketing operativo. Il social media manager riporta al web marketing manager ed è responsabile di tutte le attività sui social. L’experience designer che crea interfacce digitali dei siti web, app o altri sistemi digitali. Il content manager collabora con tutto il team e coordina la creazione dei contenuti secondo gli obiettivi che si sono fissati.

 

 

 

Tutto ciò che devi sapere sulla sigaretta elettronica

COS’È

La sigaretta elettronica è un dispositivo che produce vapore e offre all’utilizzatore la sensazione molto simile a quella di una sigaretta tradizionale. La differenza tra la sigaretta elettronica e la sigaretta tradizionale sta nel fatto che con una sigaretta elettronica non si ha combustione e quindi non sono prodotte tutte quelle sostante nocive e dannose per il fumatore. Il fumatore con una sigaretta elettronica inoltre può scegliere l’aroma che più preferisce, scegliere il livello di nicotina e inoltre può fumare in qualsiasi luogo perché non essendo dannosa non produce gli effetti del fumo passivo.

COM’È FATTA
La sigaretta elettronica è composta da un serbatoio per contenere il liquido, un atomizzatore che trasforma il liquido in vapore e di una batteria che è necessaria per far funzionare tutto. I modelli in commercio sono diversi, con varianti di questi componenti e che vanno incontro alle esigenze degli svapatori, da chi ha appena iniziato a chi è uno svapatore esperto. Non importa il modello che si utilizza, il concetto sarà sempre lo stesso, la batteria permette al liquido tramite una resistenza di traformarsi in vapore. Le differenze dei vari modelli e la scelta degli stessi dipende dalle vostre esigenze. Per esempio vi piace più vapore e un aroma meno intenso o preferite un vapore normale ma con un aroma moltro più pronunciato, saranno i componenti della sigaretta elettronica a darvi l’effetto che desiderate.

È DANNOSA?

La domanda è di quelle che tengono vivo il dibattito ormai da tempo. Intanto bisogna dire che la sigaretta elettronica è sicuramente meno dannosa della sigaretta classica proprio perché non c’è combustione di tabacco che produce sostanze dannose. Oltre a questo sono uno strumento validissimo per smettere di fumare. I liquidi che vengono utilizzati nella sigaretta elettronica sono Glicole Propilenico, che è utilizzato in campo farmaceutico e alimentare, il Glicerolo Vegetale, viene utilizzato negli sciroppi, come additivo alimentare e nella cosmesi, Acqua, che è acqua bidistillata e non supera mai il 10% degli altri componenti. Aromi alimentari, sono quelli che danno il gusto al liquido e sono appunto usati in campo alimentare, estratti dalle materie prime o la sintesi chimica che lo riproduce. Nicotina, che da dipendenza ma non è cancerogena.

Articolo gratuito offerto dallo staff di:

Must500

LOL SRL, VIA CIRO MENOTTI 10 21010 BESNATE (VARESE) – P.IVA 03390480121

A cosa servono le pellicole per vetri?

Le pellicole per vetri negli ultimi anni stanno avendo moltissimi impieghi, questo perché l’architettura fa un largo uso del vetro anche per le strutture degli edifici non solo per finestre e vetrate. Le pellicole per vetri corrono in soccorso per ovviare a alcuni problemi, per esempio quello della privacy di chi è all’intendo dell’edificio. Non solo vengono utilizzate per le vetrine di locali commerciali o per ristoranti e banche. Il problema della riservatezza viene risolto utilizzando delle pellicole che oscurano il vetro in modo semplice e anche economico. Le pellicole per vetri trovano anche ampia utilizzazione come decorazioni, quando si vuol dare un tocco in più, si vuol opacizzare parte della cabina doccia o più semplicemente si vuol rinnovare l’arredamento e si inserisce una decorazione alla vetrata che completa il lavoro.

PELLICOLE PER VETRI: ALTRI UTILIZZI

Le pellicole per vetri sono utili per altre ragioni, un edificio in vetro se da un lato esteticamente può essere bello da vedere dall’altro presenta inconvenienti che devono essere risolti oltre a quello della privacy. Le pellicole per vetri infatti proteggono dai raggi solari che altrimenti penetrerebbero senza poter fuoriuscire ggenerando cosi più calore. Questo comporta un aumento della temperatura ma con le pellicole per vetri che possono respingere i raggi solari lasciando gli ambienti più freschi. Inoltre contrastano i problemi dell’abbagliamento, proteggono arredi e merci nei negozi che altrimenti si scolorirebbero. Inoltre con pellicole per vetri a bassa emissività, questo prodotto riduce i consumi e mantiene la temperatura all’interno confortevole.

PELLICOLE PER VETRI: CONCLUSIONI

Le pellicole per vetri per concludere possono assolvere a diverse funzioni, in modo pratico ed economico. Risolvono problemi che si presentano con strutture moderne fatte in vetro che altrimenti risulterebbero quasi invivibili per via dei raggi solari. Sono ottime inoltre per ridurre i consumi e dunque sono un aiuto quasi indispensabile per l’ambiente. Inoltre l’applicazione di pellicole per vetri è facile, non si sporca l’ambiente n e dunque è una soluzione applicabile anche in strutture già in uso senza troppi disagi.

Articolo offerto gratuitamente dallo staff di:

 

solar2000.it

Corso San Giovanni a Teduccio, 928 –

Trav. Castagnola 11 – 80046 Napoli;

Tel: 081 479411 – 081 479726

Fax: 081 481809

solar2000@solar2000.it

L’equilibrio nella motricità dei bambini

L’equilibrio nella motricità dei bambini è un’abilità motoria molto importante. L’equilibrio infatti è un’abilità in gado di controllare, mantenere e ripristinare il corpo in posizione eretta. Qualsiasi azione motoria per essere portata a compimento prevede lo sviluppo del’equilibrio senza il quale sarebbe impossibile compiere anche i movimenti più elementari, come camminare o saltare. L’equilibrio è importante perché qualsiasi sollecitazione motoria provoca un cambiamento di stabilità del corpo che grazie all’equilibrio è possibile ripristinare.È questo il motivo per cui l’equilibrio è una capacità importantissima.

MOTRICITÀ BAMBINI: I TIPI DI EQUILIBRIO

L’equilibrio è un concetto piuttosto facile da comprendere, ma probabilmente non tutti sanno che ne esistono di quattro tipologie. L’equilibrio statico, che riguarda il corpo quando è fermo, la cui funzione è alla base del compimento delle attività. L’equilibro dinamico invece riguarda il corpo in movimento, per esempio quando si cammina o si corre l’equlibrio deve essere ripristinato. Equilibrio in caso di volo, immaginate una qualsiasi situzione in cui ci si stacchi dal terreno come un salto, l’equilibrio viene ripristinato nel momento in cui si ritocca terra. L’equilibrio demandato, che riguarda la situazione in cui si trasmette l’equilibrio a un oggetto, facendo un sempio un attrezzo ginnico.

MOTRICITÀ BAMBINI: L’IMPORTANZA DEL GIOCO PER L’EQUILIBRIO

Nei bambini sviluppare l’equilibrio ha una rilevanza particolare il gioco, come abbiamo già visto giocando il bambino più sviluppare e allenare le sue capacità e anche l’equilibrio viene stimolato e sviluppato attraverso i giochi. Uno dei giochi adatti a questo scopo è un gioco a cui tutti hanno giocato almento una volta, il gioco della campana o della settimana. Si prepara con un gessetto il percorso composto da sette caselle si lancia poi un sassolino su una delle caselle si salta su un piede o su entrambi per recuperare il sassolino completando il percorso anche nel senso inverso. Questo gioco fa sviluppare l’equlibrio in modo semplice e divertente oltre che a sviluppare altre capacità motorie

Case di legno: dall’efficienza energetica alla sicurezza

Le case in legno sono la scelta migliore che si possa fare a livello di sostenibilità, infatti le case in legno grazie alle loro caratteristiche garantiscono di essere case naturali, economiche ed ecologiche. Il legno è un materiale naturale, non presenta emissioni di gas o di sostanze inquinanti o nocive inoltre è sano ed economico. Le case in legno possiamo affermare che respirano e lo possiamo sostenere proprio grazie alle caratteristiche naturali del legno prive di fattori che causano problemi di umidità e condensa , invece presenti nelle case realizzate in tradizionale e che contribuiscono a creare un ambiente di vita piu’ sano .

CASE IN LEGNO : EFFICIENZA ENERGETICA E SICUREZZA

Il legno, oltre a garantire doti di elasticità e resistenza ha anche caratteristiche che lo rendono più isolante del mattone e del calcestruzzo; questo consente un notevole risparmio energetico. Le case in legno inoltre offrono un eccellente comfort termico infatti una casa di legno si riscalda prima rispetto ad una casa realizzata in tradizionale. Le case in legno, abbiamo già visto, sono flessibili e leggere, e poichè il legno,è più flessibile rispetto ai materiali da costruzione convenzionali , consente di realizzare case con caratteristiche antisismiche; case, realizzate con particolari accorgimenti e strutture, che sono in grado di sopportare scosse fino all’ottavo grado della scala Richter.

CASE IN LEGNO: VELOCITA’ DI ESECUZIONE E RESISTENZA

Le case in legno offrono una velocità di esecuzione che nessun altro tipo di costruzione può garantire. In fabbrica, la casa viene prodotta in una settimana e l’assemblaggio dura, in base al modello, circa una settimana, inoltre le case di legno possono essere realizzate in ogni stagione un altro particolare non trascurabile è quello di poter realizzare le case in legno anche con personalizzazioni richieste dal cliente. Non bisogna lasciarsi trarre in inganno dal fatto che la realizzazione avviene in serie poichè è a disposizione dei clienti una vastissima scelta di modelli e, come se non bastasse, anche la possibilità di realizzare un progetto fornito dal cliente.

De Raco Costruzioni Case in Legno – C.da. Pozzo S. Nicola, 2 – 89029 Taurianova RC – P.iva 02140580800

Camper: uno stile di vita

Chi ama il camper lo sa: una vacanza in camper inizia nel momento della partenza, perchè già il viaggio stesso è vacanza. Il camper è proprio uno stile di vita apprezzato da chi ama una vacanza o un viaggio liberi da vincoli di orario o di qualsiasi altro tipo . Il camper ci consente di poter avere una casa in ogni luogo che desideriamo visitare inoltre ci libera dallo stress delle code in autostrada, basta posteggiare in una apposita area di sosta e farsi una bella mangiata e un riposino mentre gli altri sono in fila sotto il sole, si riparte piu’ tardi, quando la coda sarà terminata oppure in alternativa non si riparte affatto e ci si ferma per trascorrere la notte direttamente sul posto.

SCEGLIERE TRA NUOVO O USATO

Chi desidera provare le emozioni di una vacanza in camper ha a disposizione presso i rivenditori piu’ attrezzati una vasta gamma di mezzi a noleggio; questa soluzione serve principalmente a capire se si è tagliati per essere camperisti o meno, quando abbiamo capito che il camper è la nostra passione il dilemma che si pone è meglio acquistare un camper nuovo o uno usato? A questo punto contiamo i soldini in tasca e se possiamo permettercelo sicuramente la scelta di un camper nuovo è la soluzione ottimale in quanto possiamo anche personalizzarlo scegliendo accessori e rivestimenti; se invece i mezzi economici sono piu’ esigui non disperiamo perchè anche il mercato dell’usato offre numerose opportunità; noi consigliamo sempre l’acquisto da un rivenditore specializzato perchè oltre alla sicurezza di un mezzo revisionato perfettamente potremo usufruire anche della garanzia offerta dal venditore.

SPESE DI GESTIONE E MANUTENZIONE

Se avete deciso di acquistare il vostro primo camper sappiate che dovete aggiungere alla lista spese anche i costi di gestione e manutenzione annuali, prima tra tutte l’assicurazione che per un camper si aggira tra i seicento e settecento euro, aggiungiamo anche la tassa di possesso che ha sostituito il vecchio bollo, questa spesa , calcolata in base ai cavalli, si aggira intorno ai cento euro. Oltre alle tasse bisogna aggiungere anche i costi di manutenzione che tra controlli al motore, agli impianti e alla cellula abitativa si aggirano intorno ai quattrocento euro , aggiungiamo ancora eventuali spese di rimessaggio che possiamo calcolare sui cento euro al mese se non abbiamo noi un posto dove ricoverare il camper ed infine le spese di revisione da effettuarsi dopo i primi 4 anni, successivamente ogni due anni per un costo di settanta euro ogni revisione.

Camicie uomo: origini ed evoluzione

LE ORIGINI
Le camicie da uomo sicuramente sono il capo piu’ importante nell’abbigliamento maschile.La loro storia parte da tempi antichi e arriva fino ai giorni nostri attraversando i secoli con continue evoluzioni . Sicuramente non tutti sanno che le camicie, in genere, quindi sia per uomini che per donne, nascono come capo intimo inizialmente destinato a coprirsi mentre si fa il bagno e successivamente usate come capo interposto tra la pelle e l’abbigliimento, inoltre anche la forma originaria delle camicie da uomo , era diversa dalle attuali camicie conosciute, era molto meno elaborata, era semplicemente tagliata a forma di T.

LE EVOLUZIONI NELLA STORIA
Attraversando la storia si passa dalle gorgiere riccamente lavorate simbolo di ricchezza e potere del cinquecento sino, evoluzione dopo evoluzione, (come non ricordare i pizzi barocchi del Settecento, elegantemente sfoggiati dai cicisbei) ad arrivare all’Ottocento e qui le camicie uomo assumono caratteristiche che ritroveremo anche nelle camicie contemporanee; realizzate con taglio piu’ lungo sul dietro, con manica lunga, spacchi laterali colletto e polsini rigidi, le camicie da uomo, nell’ottocento si arricchiscono inoltre di due elementi che ritroveremo anche ai giorni nostri: lo sprone e lo sparato. Le camicie dell’epoca, similmente alle nostre, vengono realizzate in batista o in cotone in versione bianca ma anche in versioni colorate.

LE CAMICIE UOMO AI GIORNI NOSTRI
Ai giorni nostri le camicie da uomo sono disponibili in molteplici colori e fantasie ed in tessuti diversissimi, vengono realizzate in differenti stili per soddisfare qualsiasi esigenza; quindi possiamo scegliere oltre alla classicissima camicia bianca adatta praticamente a tutte le occasioni, in particolar modo per le ricorrenze e le occasioni importanti, anche tra un vastissimo assortimento di camicie di diversi stili ed in diversi tessuti; ecco quindi le camicie realizzate in jeans oppure in tessuto militare o le sahariane, particolarmente indicate per le occasioni piu’ informali.

Camicie-Italia.com
Via della Pace, n°7 | 94010 Assoro (EN) Italia
Tel: 0935667322 (due linee) | Fax: 0935620847

SHOPPING ONLINE: CONVIENE?

Lo shopping online sta prendendo sempre più piede nel nostro paese. Stare comodamente a casa propria e scegliere gli articoli con un semplice click è una soluzione facile e veloce, molto spesso però ci si domanda se è la soluzione anche più conveniente. Partiamo con il dire che molti brand tra i più famosi, parlando di abbigliamento, nei loro e-commerce hanno sconti ancora prima che nei negozi fisici e questo è sicuramente conveniente, praticano inoltre le stesse iniziative come il black friday anche negli e-commerce e dunque si acquistare online è molto conveniente. Shopping online però non vuol dire solo abbigliamento, si trovano prodotti di ogni tipo, dall’elettronica ai casalinghi, arredamento e prodotti per animali. Lo shopping online permette di acquistare con facilità e sicurezza tutti i prodotti che desiderate e che in alcuni casi non si trovano nei negozi fisici.

SHOPPING ONLINE: GLI ECOMMERCE MIGLIORI

Chi è un veterano dello shopping online sicuramente almeno una volta si è affidato a Ebay per trovare il prodotto che cercava, nato come sito di aste per vendere prodotti usati Ebay si è lentamente trasformato in una piattaforma dove trovare prodotti di ogni tipo anche con la modalità acquistalo subito senza sperare di aggiudicarsi un’asta. Un altro sito che sicuramente tutti conoscono è Amazon, un colosso dello shopping online su cui trovare davvero di tutto a prezzi convenienti. Questi sono i due siti che tutti conoscono ma quasi ogni azienda ormai ha un e-commerce, esistono e- commerce che vendono anche alimentari, e-commerce che vendono prodotti che arrivano d’oltre oceano e non è possibile trovare in Italia. Se pensate a un prodotto sicuramente qualcuno nel web lo sta vendendo nel suo e-commerce, se non è un e-commerce dell’azienda ma un e-commerce del quale non avete mai sentito parlare assicuratevi che vi siano recensioni positive, nel caso non siano presenti se proprio volete acquistare e non incappare in problemi scegliete la formula di pagamento con contrassegno e ricordatevi prima di pagare di verificare che nel pacco ci sia effettivamente la merce richiesta. Questo perché per quanto sia facile e veloce acquistare online ricordate che incappare nella fregatura è un attimo.

SHOPPING ONLINE: PRO E CONTRO

Lo shopping online ha come tutte le cose dei pro e dei contro, intanto come pro evidenziamo la velocità nell’acquistare, la possibilità di trovare prodotti che non si trovano nei negozi fisici e gli sconti che si possono ottenere acquistando prodotti in promozione. Come contro sicuramente lo shopping online ha le spese di spedizione, anche se in moltissimi casi non vengono applicate facendo un acquisti di almeno un tot di euro. Facendo shopping online non avrete subito il vostro prodotto tra le mani ma dopo qualche giorno, non potete avere il prodotto tra le mani prima dell’acquisto e ricordate che spesso gli e-commerce accettano pagamenti solo con carta di credito.

Zawadi

BIANCHERIA DA CASA: COMPLEMENTO INDISPENSABILE

Ormai la biancheria da casa è diventata un elemento praticamente irrinunciabile nella vita di tutti i giorni; la presenza di un morbido e colorato asciugamano ci aiuta al mattino ad affrontare la nuova giornata, una bella tovaglia ci fa apprezzare ancora di piu’ il cibo e la sera morbide lenzuola ci avvolgono tra le loro braccia per un bel sonno ristoratore; ma non è sempre stato così e con questo articolo vogliamo anche ripercorrere a brevi linee la storia della biancheria da casa nei secoli.

dalle pelli d’orso alle lenzuola di seta

Come abbiamo precedentemente accennato non sempre la biancheria ha ricoperto il fondamentale ruolo che ricopre ,ai nostri giorni, nella vita quotidiana ; infatti vi è stato un tempo in cui le lenzuola non esistevano ed al loro posto c’erano soltanto pelli di orso o di altri animali selvatici, anche i romani non conoscevano l’uso delle lenzuola che venivano sostituite dal teli di lana o di pelliccia; bisogna arrivare nel medioevo per incontrare le prime lenzuola di lino, considerate un acessorio di lusso le lenzuola di lino all’epoca sono vietate agli ordini monastici cone simboli demoniaci; il loro uso si diffonde nel tardo medioevo anche tra la popolazione comune grazie all’intensa coltivazione del lino ed a un inaspettato benessere.

 Evoluzione della tovaglia

Ai giorni nostri la tovaglia si presenta in diverse varianti, da quella rotonda a quella rettangolare, sia in semplice cotone a quadretti che in prezioso lino ricamato la tovaglia riesce a valorizzare piatti posate e bicchieri ed a rendere allegro il momento del pranzo ma non tutti sanno che i primi ad usare una specie di tovaglia detta mantilia furono gli antichi romani, la mantilia ricopriva la tavola ed i commensali erano muniti di una specie di tovagliolo detto mappa e che serviva per avvolgere e portare con se gli avanzi del pasto. Dobbiamo attendere il medioevo per vedere sulla tavola le prime tovaglie in lino per le persone piu’ agiate e in canapa per il popolo; la caratteristica di queste tovaglie era di essere lunghe fino a terra in modo da poter essere usate, in sostituzione dell’ancor sconosciuto tovagliolo, per pulirsi mani e bocca dopo il pranzo.

Arredamento e accessori per bambini

Oltre al corredino personale , alla sua nascita un bambino necessita anche di pezzi di arredamento che compongono la sua cameretta e di particolari accessori che agevoleranno la mamma durante le funzioni necessarie per accudire il piccolo, specie in alcuni particolari momenti della giornata quali la pappa o il bagnetto.

ARREDARE LA CAMERETTA

Nella scelta dei mobili per arredare la cameretta del bambino si dovrà in primo luogo , oltre a scegliere tra culla e lettino, anche tener conto dei materiali ma soprattutto delle vernici che decorano la cameretta: dovranno essere materiali naturali e le vernici assolutamente atossiche , oltre alla culla o al lettino che dovranno essere equipaggiati di materasso anallergico ed antiacaro e cuscinetto antisoffoco, bisognerà provvedere ad un armadio dotato almeno di due cassetti per conservare la biancheria e i capi di abbigliamento del bambino, servirà anche un fasciatoio per provvedere al cambio dei pannolini, in caso di mancanza di spazio sono presenti in commercio anche dei bagnetti fasciatoi, ovvero fasciatoi che hanno incorporato al loro interno la vaschetta per il bagnetto del bebè, completerà la cameretta un lampadario o un altro sistema di illuminazione sempre però realizzato in materiali e vernici atossici.

ACCESSORI

Tra gli accessori utili per accudire il bambino possiamo sicuramente annoverare il seggiolone, esistono in commercio anche con la possibilità di reclinare lo schienale permettendo di passare dalla posizione pappa alla posizione nanna, indispensabile fino al secondo anno di vita è la vaschetta per il bagnetto che comunque può anche essere incorporata nel fasciatoio con un notevole risparmio di spazio: un altro accessorio utile per permettere al bambino di giocare senza nessun pericolo è il box che dopo i primi quattro mesi di vita diventa uno strumento indispensabile , in ultimo aggiungerei il girello che permette, in tutta sicurezza, di far fare al piccolo , dopo gli otto mesi, i suoi primi passi alla scoperta del mondo.

Abbigliamento speciale

Nel settore dell’abbigliamento, sia maschile che femminile, oltre ai normali capi che possono essere classificati di abbigliamento normale quali ad esempio giacche camicie pantaloni oppure abiti e gonne, dobbiamo anche dedicare un capitolo a quello che può essere considerato abbigliamento speciale; con questo intendiamo capi realizzati appositamente per rispondere ad esigenze particolari, mi riferisco ad esempio all’abbigliamento da lavoro, a quello sportivo specialmente nel caso di sport a livello agonistico o di sport estremi, inoltre tra i capi di abbigliamento speciali vogliamo inserire anche l’abbigliamento ecclesiastico ; di seguito esamineremo brevemente le varie categorie e le loro caratteristiche.

ABBIGLIAMENTO DA LAVORO

Nella voce abbigliamento da lavoro possiamo annoverare tutti i capi che generalmente vengono indossati per svolgere le proprie mansioni lavorative; questa categoria è molto varia e in essa possiamo trovare la tuta blu indossata dall’operaio, il camice bianco del medico e i camici verdi usati in sala operatoria, inoltre aggiungiamo la divisa da portiere, la toga dell’avvocato , le divise ignifughe dei vigili del fuoco e tutti gli altri capi che caratterizzano alcune mansioni, tra questi annoveriamo anche i capi di abbigliamento ecclesisastico che indossati evidenziano, in base al colore e al tipo di paramenti oltre al fatto che la persona è un sacerdote anche la funzione che sta celebrando.

ABBIGLIAMENTO SPORTIVO

E’ nella categoria dell’abbigliamento sportivo che troviamo i capi di abbigliamento realizzati seguendo accorgimenti e materiali speciali; negli sport praticati a livello agonistico, a cominciare dal nuoto, ma anche nell’atletica nel ciclismo e in tutti gli altri sport c’è dietro ad ogni costume o capo di abbigliamento sportivo tutta una ricerca particolare volta ad individuare i tessuti piu adatti e le forme piu’ aereodinamiche capaci di regalare una prestazione eccellente all’atleta. Un capitolo a parte meritano gli sport estremi come l’alpinismo il parapendio e altri sport adrenalinici e spettacolari, per questi sport sono stati elaborati anche nuovi tessuti tecnici come il gore tec capace di mantenere il calore corporeo pur avendo uno spessore limitato, e ancora vogliamo ricordare oltre al neoprene anche il nuovo tessuto denominato parapack utilizzato per realizzare le tute alari.

MOTRICITÀ DI BASE: COS’È

Con motricità di base si intendono le unità di base della motricità dell’essere umano, camminare, correre, saltare, lanciare e afferrare sono i movimenti principali che si possono fare e vanno a posizionarsi nelle tre dimensioni di spazio e di tempo. La motricità di base è un passo necessario nello sviluppo motorio perché getta le basi per gli schemi posturali. La motricità di base è il punto di partenza per il proseguire dello sviluppo motorio. Gli schemi motori di base si sviluppano nei primissimi anni di vita, compaiono e vanno via via a rafforzarsi, il movimento del corpo è la massima espressione della personalità perché vengono tirate in ballo strutture sia psicologiche che organiche.

MOTRICITÀ DI BASE: COORDINAZIONE

La motricità di base è cosi definita in quanto strate d’attivazione meuro/motoria che sono geneticamente stabilite, sono tipiche della specie umana, come per esempio la postura eretta, sono necessarie e innate. La coordinazione dei movimenti avviene partendo innazitutto dal cervello che analizza e cataloga le informazioni sulla posizioni di oggetti, del proprio corpo e traduce queste informazioni in un comando ai muscoli, che sono gli unici in grado di fare il movimento necessario. Gli organi sensoriali coinvolti in questo processo sono la vista, il tatto e l’udito, questi organi trasmetto le informazioni al cervello. Si dice appunto coordinazione perché coinvolge, anche in un solo istante più organi, le informazioni vengono elaborate e tradotte in movimento che è appunto coordinato in relazione al corpo, agli oggetti e allo spazio circostante.

MOTRICITÀ DI BASE: QUANDO FARE EDUCAZIONE MOTORIA

Nel caso si noti nel bambino un apprendimento più lento degli schemi motori di base sarebbe opportuno iniziare a far un percorso con il proprio figlio di educazione motoria. Ci possono in questo caso aiutare giochi da fare a casa, come afferrare mattoncini e impugnare matite. Un altro gioco utile per far percepire gli spazi è infilare degli anelli in un paletto. Possono essere utili gli esercizi fatti a casa perché sviluppano non solo le capacità motorie ma anche le capacità cognitive.

Articolo informativo offerto gratuitamente dallo staff di Rugbytots, leader nella Motricità Ovale

Cos’è un camper furgonato?

Il camper furgonato, anche chiamato van o piu’ genericamente camper puro, e che da qualche anno sta riscutendo sempre piu’ successo registrando sul mercato una richiesta in costante aumento altro non è che un normale mezzo doi trasporto, generalmente furgone, ma può anche essere un veicolo monovolume, che viene attrezzato per essere adattato a camper; il camper furgonato è un mezzo sicuramente spartano per quanto riguarda il confort ma che presenta caratteristiche di guidabilità e prestazioni su strada superiori ai camper tradizionali.

COS’è UN CAMPER FURGONATO : QUALI VANTAGGI PRESENTA

Sicuramente un camper furgonato presenta alcuni vantaggi rispetto ai normali camper tradizionali ; uno dei primi punti di forza che fanno vincere il confronto al camper furgonato è senza dubbio la maggior guidabilità ed un consumo di carburante inferiore rispetto al camper tradizionale, inoltre la maggior stabilità e maneggevolezza del camper furgonato gli consentono di raggiungere mete irraggiungibili o quasi a normali camper; altri due punti che sicuramente dobbiamo assegnare al camper furgonato sono i ridottissimi , anzi quasi nulli problemi di infiltrazioni che invece affliggono, ed anche in maniera pesante, i camper tradizionali ed infine anche i minori costi per eventuali riparazioni di carrozzeria.

COS’è UN CAMPER FURGONATO: A CHI è CONSIGLIATO L’ACQUISTO

Il camper furgonato, come abbiamo visto è un mezzo che presenta interessanti punti a suo favore, tra l’altro possiamo anche utilizzarlo come mezzo di lavoro o come seconda auto, dobbiamo però segnalare che è un mezzo generalmente consigliato a chi ama il viaggio inteso come avventura ed è disposto a rinunciare a qualche comodità pur di raggiungere mete che sono invece precluse ai camper tradizionali; in ultima analisi quindi il camper furgonato è un mezzo adatto ad una coppia che ama il viaggio, anche fuori dai percorsi convenzionali , che viaggi a da sola o in compagnia di amici ma non con bambini piccoli; insomma il furgonato è il mezzo ideale per chi non vuole rinunciare alla libertà di andare ovunque .

Brand intimo femminile

Il settore dell’intimo femminile vede oggigiorno una vasta offerta di capi intimi da donna realizzati in diversi modelli e in diversi materiali, alcuni brand primeggiano sopra altri per la qualità delle materie prime per la varità di modelli e per la grande vestibilità. Di seguito daremo un elenco dei vari tipi di intimo femminile e i brand specializzati nella loro produzione.

BRAND DI INTIMO FEMMINILE: SLIP TANGA, PERIZOMA E CULOTTE

Impossibile dire indumento intimo e non pensare sll’intimo per eccellenza, cioè ai vari modelli di mutande che a seconda del taglio assumono nomi diversi, a cominciare dalla tradizionale mutandina di cotone bianco a costine a vita alta, si passa via via agli slip, piu’ sgambati e a vita piu’ bassa. poi ai tanga e perizoma molto sgambati e di dimensioni ridottissime; un modello a parte sono le culotte sgambate a metà coscia e senza cuciture . Tutti questi modelli di mutandine da donna possono essere realizzati oltre che in cotone anche in altri tipi di tessuti quali la seta, le fibre sintetiche e soprattutto nella praticissima microfibra. I brand leader nel settore degli slip e di tutti gli altri modelli di intimo femminile sono Pompea, Roberta Sloggy.

BRAND DI INTIMO FEMMINILE: REGGISENI E CORSETTI

Continuando la carrellata sull’intimo femminile e su brand piu’ famosi passiamo ora a esaminare un altro imprescindibile componente dell’abbigliamento intimo femminile e cioè il reggiseno. Del reggiseno ne esistono numerosissime versioni, dal tradizionale reggiseno con incrocio a X al reggiseno a balconciono, con il ferretto, imbottito, allacciato davanti, inserito in un body e molti altri modelli ma la scelta del reggiseno giusto passa anche per la forma delle coppe che possono essere formulate unitamente a una certa sagoma del reggiseno per creare un effetto push up che solleva e dà l’impressione di un maggior volume. Un discorso a perte merita il corsetto che se non realizzato con criteri ortopedici e quindi con scopi curativi è un complemento da indossare solo in particolari occasioni. Anche qui i brand leader nel settore sono Pompea , Lovable e Lepel, tre aziende specializzate nella realizzazione di reggisendi con caratteristiche di leggerezza e grande indossabilità.

IL BAGNETTO FASCIATOIO

Se si ha un bimbo piccolo e una cameretta o uno spazio ridotto la soluzione ideale e sicuramente piu’ semplice è il bagnetto fasciatoio e di seguito andremo a conoscere le funzioni le caratteristiche e i modelli di bagnetto fasciatoio.

Il BAGNETTO FASCIATOIO: A COSA SERVE

Come dice la parola stessa il bagnetto fasciatoio è una struttura che racchiude in se due funzioni indispensabili per l’igiene del neonato, e cioè un piano imbottito da utilizzare da fasciatoio nel cambio dei pannolini che viene effettuato piu’ volte al giorno e una vaschetta di plastica indispensabile per fare in tutta sicurezza il bagnetto quotidiano al vostro bebè. La realizzazione in un unico mobile che consente di risolvere il problema bagnetto e anche il cambio dei pannolini pur avendo a disposizione uno spazio abbastanza limitato in casa ma soprattutto nella cameretta del bambino. Il Bagnetto fasciatoio ha anche ripiani vari che consentono di avere a portata di mano per la mamma tutti gli accessori da utilizzare durante il cambio pannolino; salviette, borotalco, pannolini puliti e gli accessori per il bagnetto quali spugna shampo e asciugamani.

IL BAGNETTO FASCIATOIO: IN CHE VERSIONI E IN QUALI MATERIALI

La versione piu’ spartana del bagnetto fasciatoio si compone di un telaio metallico pieghevole sul quale è inserita la vaschetta in plastica per il bagnetto coperta da un ripiano realizzato in morbida plastica, imbottito e ribaltabile (durante il bagnetto) che viene utilizzato come fasciatoio, completa il tutto una serie di due o tre ripiani sotto la vaschetta atti a riporre il necessario per le operazioni di toeletta quotidiana del bebè; esiste però in commercio anche una versione piu’ accessoriata del bagnetto fasciatoio e consiste in un mobiletto realizzato in legno nel quale viene inserita la vaschetta per il bagno e sopra , fissato con cerniere il coperchio sopra il quale si trova il morbido materassino fasciatoio.Il mobiletto è dotato di ruote che nel momento del bagnetto possono anche essere, con un semplice gesto, bloccate; inoltre nel mobiletto sono sistemati oltre a comodi ripiani per riporre il necessario per il bagnetto, anche tre cassetti utilissimi per riporre le tutine e tutto l’occorrente per il cambio pannolino. Generalmente i vari tipi di camerette hanno il bagnetto fasciatoio realizzato in un mobiletto perfettamente coordinato alla cameretta stessa.

Scritto gratuitamente dallo staff di:
https://www.sottoilcavolo.com/
Sotto il Cavolo di Arcidiacono e Brela.
Via del Sugheraio n.53/55 – Zona Industriale
58022 Follonica (GR) – PI 01158280535
Tel./Fax (+39) 0566.41666
Tel (+39) 0566.262368
Mobile (+39) 349.4104998
E-mail: info@sottoilcavolo.com

Tre brand di orologi di lusso ottimi per il secondo polso

BREITLING

Nel settore degli orologi di lusso usati il brand Breitling ha ricavato un proprio spazio. La famosa casa di orologi è leader nel settore dei cronografi da polso. A tutt’oggi è fornitore ufficiale dell’aviazione elvetica. Quella delle collaborazioni con le aviazioni di tutto il mondo è una prerogativa che caratterizza sin dalla nascita il marchio Breitling . Negli anni novanta a seguito di una collaborazione con la casa automobilistica Bentley nacque una serie di orologi che ancora oggi sono ricercatissimi sul mercato degli orologi di lusso usati e tra i collezionisti.

BULGARI

Bulgari, conosciuto ed apprezzato per le sue crazioni di arte orafa, decide, nel 1940, di presentare, per la prima volta un orologio la cui forma ispirata all’art decò lo ha reso, oltre che un modello prezioso essendo in oro, anche un modello unico e ricercatissimo, che ha conquistato il mondo intero. Nonostante il successo strepitoso del suo primo orologio Bulgari non presenta piu’ sul mercato una collezione di orologi sino al 1977, anno in cui lancia la sua collezione di orologi Bulgari Bulgari, un orologio con il doppio logo inciso sulla parte cilindrica che oltre ad essere l’orologio piu’ conosciuto è anche il piu’ venduto. Nel settore degli orologi di lusso usati di Bulgari i piu’ ricercati sono oltre al modello Bulgari Bulgari anche il modello Assioma ed il modello Diagono.

CARTIER

La maison Cartier sino dalla sua fondazione nel 1847 è stata la casa fornitrice di reali ed uomini politici importanti , la prima cliente fu la principessa Matilde , nipote di Napoleone I . Soltanto nel 1904 la maison Cartier presenta il suo primo orologio il modello Santos, realizzato per l’aviatore brasilano Alberto Santos Dumont, il Santos viene commercializzato però solo a partire dal 1911. Un grande successo ha riscosso un altro modello il Tank che si ispira ai carri armati della prima guerra mondiale. Di questo modello ne saranno proposte diverse versioni e il Tank nella versione Francaise è stato indossato anche dal presidente degli USA Kennedy. Nel mercato degli orologi di lusso usati il marchio Cartier è ambito e mantiene, anzi aumenta il suo valore nel tempo.

 

Cimafonte Orologi
Via Mario Fiore, 21 – 80129 Napoli (NA)
081.558.38.88
Fax.: 081.558.38.88
Web : www.cimafonteorologi.it
Mail : info@cimafonteorologi.it
P.IVA 06610601210

Tutto sui reggiseni

COSA SONO
I reggiseni appartengono alla categoria dell’abbigliamento intimo; sono noti sin dall’antichità, infatti ne troviamo traccia oltre che nell’antica Grecia anche nell’antica Roma dove le matrone romane usavano una fascia chiamata mamillare o strophium , simile all’indumento usato nell’antica Grecia detto apodesmos questa fascia passando tra i seni veniva legata dietro la schiena. Ritroviamo in tutte le civiltà passate indumenti il cui uso può essere assimilato a quello del reggiseno , ma il reggiseno cos’ come lo conosciamo noi nasce ufficialmente nel 1889 dalle mani di Hermine Cadolle una bustaia parigina che ideò un modello formato da due triangoli di seta tenuti insieme da nastri che si allacciavano dietro la schiena

FUNZIONI: La principale funzione dei reggiseni è essenzialmente quella di contenere e proteggere, appunto, i seni sia in condizioni normali e con reggiseni studiati per lo scopo, anche durante gli esercizi sportivi; inoltre in casi particolari i reggiseni possono, in presenza di forme molto prosperose, svolgere una funzione contenitiva, nella situazione inversa, cioè in presenza di un seno scarso o assente un reggiseno dotato di particolari imbottiture può svolgere una funzione correttiva delle forme. Infine i reggiseni possono svolgere anche una funzione di protesi nei casi in cui si è dovuto procedere all’amputazione di un seno, il laboratorio ortopedico provvederà alla costruzione di un reggiseno con una protesi per il seno mancante eliminando, almeno in parte, il disagio psicologico della donna amputata.

MODELLI E CARATTERISTICHE:Sono reperibili in commercio reggiseni di diversi modelli, ognuno con caratteristiche ben precise; innanzitutto in base alla forma delle coppe troviamo i reggiseni a triangolo con le coppe, appunto a triangolo adatti a uso sportivo o di contenimento e i reggiseni a balconcino con le coppe rotonde ed a mezzaluna piu’ adatti invece a valorizzare esteticamente le forme. Fatta questa prima distinzione troviamo ancora numerose varianti ; Infatti i reggiseni possono essere con il ferretto o senza, con allacciatura posteriore o piu’ raramente con allacciatura anteriore , adirittura esistono reggiseni ideati appositamente per le donne che si trovano nel periodo di allattamento.

Baronio Enterprise Company
Via Mazzini, 83
25020 – Alfianello, Brescia
Tel 030 9305951
P.IVA 00710520982
Servizio Clienti
info@baronionline.it

Tutto sui Dildo

DILDO: COSA SONO

I dildo sono giocattoli sessuali a forma di pene. I dildo vengono utilizzati per la masturbazione, nei vari giochi erotici e anche nei preliminari senza distinzione di sesso, infatti i dildo vengono utilizzati da donne, uomini e anche per il sesso di gruppo. In realtà la parola dildo non indica in modo inequivocabile un oggetto, spesso si utilizza per indentificare quegli oggetti che hanno la forma fallica ma che ino vibrano. Per contro i vibratori vengono indicati definendoli dildo poiché fanno parte delle varie tipologie, cosi come vengono definiti dildo oggetti non somiglianti a un pene ma che sono destinati alla penetrazione.

DILDO: CARATTERISTICHE PRINCIPALI

La caratteristica principale dei dildo è quella dell’uso che ne viene fatto, ovvero si usa per la penetrazione. La forma varia in commercio infatti ne esistono di ogni forma e dimensione. Esistono dildo per diverse funzioni, da quelli adatti alla penetrazione vaginale a quelli adatti alla penetrazione anale, inoltre esistono alcuni modelli pensati alla stimolazione del punto G. Nel corso degli anni i materiali usati per i dildo sono stati più diversi, dalla pietra, al legno, il cuoio, cera, porcellana e persino il vetro. Quelli comunemente in commercio oggi sono in silicone, ma si possono trovare anche in borosilicato comunemente conosciuto con pyrex. La cosa importante da tenere a mente è la possibilità di essere sterilizzati quando si sceglie è la possibilità di essere sterilizzati, evitare dunque materiali che non lo permettono.

DILDO: MODELLI

I modelli più comuni che si trovano in commercio sono a forma di membro maschile ma la varietà di modelli è quasi impossibile da elencare, poiché ne esistono anche tipi particolarmente artistici, che hanno forme particolari. I più semplici sono utilizzati per la stimolazione genitale. Una particolarità del Giappone per esempio è di produrli a forma di animali o personaggi dei cartoni animati, questo per aggirare le leggi sulle oscenità e poterli vendere senza alcun problema. Esistono modelli doppi che consentono la doppia penetrazione, ci sono dildo con imbracatura che consentono di essere indossati.

DesyUP
(Sede Legale non aperta al pubblico)
Piazza Gerolomini, 103
80138 Napoli NA
P.IVA 08894591216
Mail : info@desyup.it
Tel: (+39) 345 4980507

 

COPPIE PIÙ ATTIVE SESSUALMENTE: PASSARE TEMPO INSIEME

Le coppie più attive sessualmente si possono riconosce da alcune cose, una di queste è il passare tanto tempo insieme. Se questo aspetto può sembrare una cosa semplice va ricordato che spessissimo è la mancanza di momenti in cui si sta insieme a deteriorare l’intimità delle coppie. Sicuramente le giornate frenetiche fatte di lavoro e altri impegni spesso fanno arrivare a fine giornata stanchi e sicuramente l’ultimo pensiero è quello di stare con il partner e fare sesso, impiegare il tempo libero con il partner è un altro aspetto che spesso viene trascurato. Ricordate che il tempo trascorso insieme , non solo a fare sesso, è il collante della coppia anche nell’intimità.

COPPIE PIÙ ATTIVE SESSUALMENTE: PARLARE DI SESSO

Si sa il dialogo è alla base di una coppia, rende la relazione forte ed è per questo che le coppie più attive sessualmente non hanno alcun problema anche a parlare di sesso. Il dialogo è importante anche per la vita sessuale di una coppia, sentirsi appagati nel piacere è importante. Dunque via il disagio nell’affrontare il discorso sesso con il compagno perché esternare i desideri, cosa si vuole provare e cosa no vi farà sentire appagati sia come singolo che come coppia perché si comprendono le proprie esigenze e le esigenze del partner.

COPPIE PIÙ ATTIVE SESSUALMENTE: ANDARE A LETTO INSIEME

La fine della giornata, quando dopo cena finalmente ci si rilassa, dovrebbe essere conclusa con l’andare a letto insieme e non di certo che uno dei due va a letto e l’altro è ancora sveglio a guardare la tv. Sembra banale ma le coppie più attive sessualmente spesso hanno come abitudine quella di mettersi a letto insieme, questo può aiutare a migliorare l’intimità. Questo non vuol dire che fanno sesso tutte le notti, in una coppia sono importanti anche gli atti non sessuali, come appunto andare a letto insieme, anche una ricerca pubblicata su Psycosomatic Medicine ha evitenziato come le partecipanti femminilisi sono più felici se anche i loro compagni vanno a letto nello stesso momento.

Fonte: http://www.desideriosessuale.it/10-segnali-per-riconoscere-le-coppie-piu-attive-sessualmente/

Body funzioni e modelli

Nati intorno agli anni venti dello scorso secolo i body da subito sono stati considerati indumenti che rientrano nell’abbigliamento intimo, e soprattutto sono stati considerati indumenti di prevalente uso femminile. I body sono realizzati nella maggior parte dei casi in tessuto elasticizzato. I body coprono completamente il busto e restano aderenti al corpo, generalmente presentano una chiusura a bottoni nel cavallo. Ma l’utilizzo del body non è solo limitato alla quotidianità oltre ai body indossati in alternativa agli altri capi intimi esistono anche body realizzati per lo sport e per la danza .

BODY: FUNZIONI

Le funzioni principali dei body sono di fornire un indumento intimo piu’ caldo nei mesi invernali; i body possono anche essere indossati oltre che come biancheria intima anche come capi di abbigliamento, poichè moltissimi body sono pensati per essere indossati olte che come capo intimo anche come camicette, in questo caso sono impreziositi da pizzi, nastri ,brillantini. I body inoltre sono indossati per la pratica di alcuni sport quali la ginnastica artistica e l’atletica e per le lezioni di danza classica, molto spesso i body realizzati per lo sport e per la danza femminili hanno incorporato anche un reggiseno.

BODY: MODELLI E CARATTERISTICHE

La tendenza moda di questo anno ha riscoperto e valorizzato i body, presentandone rielaborazioni in satin ed in pizzo, arricchiti da graziosi scolli a cuore. I body sono generalmente presenti nelle versioni a manica corta, a manica lunga e sbracciati ed anche nelle versioni a slip, tanga e culotte . Il body ha conosciuto il suo momento d’oro negli anni settanta, come capo per la discoteca, indossato insieme ad una minigonna. Anche se pensando ai body si immaginano di esclusivo uso femminile esistono attualmente anche body pensati e realizzati per esclusivo uso maschile, si pensi alle aderentissime tutine da ciclismo, oltre che versioni di body unisex.

Baronionline
Via Mazzini, 83
25020 – Alfianello, Brescia
Tel 030 9305951
P.IVA 00710520982